Prodotti - DIAGNOSTICA MOLECOLARE

REALQUALITY RQ-HIV DNA

Descrizione

REALQUALITY RQ-HIV DNA è un kit per l'identificazione e la quantificazione del DNA totale del virus HIV-1 mediante PCR Real time. 

Caratteristiche rilevanti

  • Il dispositivo è in grado di rilevare i sottotipi A, B, C, F, G, AE, AG del gruppo M di HIV-1
  • Per l’esecuzione del saggio sono sufficienti 10 µl di DNA estratto da cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC).
  • In associazione con l’utilizzo degli standard quantificati (REALQUALITY RQ-HIV DNA STANDARD) il saggio è quantitativo
  • Il saggio condivide lo stesso profilo termico degli altri kit della linea REALQUALITY Infettivologia
  • E’ dotato di sistema dUTP/UNG per la prevenzione delle contaminazioni da carry-over e di un normalizzatore della fluorescenza

Contenuto

  • Reagenti pronti all'uso per l'amplificazione Real time
  • Controllo di amplificabilità (amplificazione del gene beta-globina -BG)
  • Controllo positivo (DNA contenente parte del genoma di Human Immunodeficiency virus e del gene β-globina – BG)

 

Per approfondire

HIV 1 è uno dei due virus che causano la Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) durante lo stato avanzato dell’infezione. E’ un Retrovirus, appartenente al genere Lentivirus, il cui genoma (circa 10kb) è costituito da due molecole di RNA a singolo filamento con polarità positiva. Una volta entrato nelle cellule bersaglio, i linfociti T CD4+, l’RNA virale viene retrotrascritto a DNA a doppio filamento, che va ad integrarsi nel genoma della cellula ospite. Sfruttando l’apparato trascrizionale di quest’ultima, vengono prodotte nuove molecole di RNA e proteine virali che verranno assemblate e rilasciate dalla cellule come nuove particelle virali. Una volta integrato, il virus può diventare latente, evitando il rilevamento da parte del sistema immunitario.

La trasmissione avviene attraverso il contatto diretto con fluidi corporei infetti da HIV, come sangue, sperma, secreti vaginali, o latte materno. La trasmissione verticale da madre a figlio può verificarsi durante la gravidanza, il parto o l'allattamento.

Il virus HIV 2 appartiene sempre al genere Lentiviridae, condivide con HIV 1 le stesse modalità di trasmissione ma è da esso ben distinto sia dal punto di vista genetico che epidemiologico. Mentre HIV 1 è un virus globalmente diffuso, le infezioni da HIV 2 sono concentrate principalmente in Africa occidentale. La progressione dell’infezione da parte di HIV 2 è molto più lenta e caratterizzata da una carica virale più bassa.

Quando si parla genericamente di HIV, normalmente ci si riferisce al tipo 1.

 

Perché utilizzare un saggio in PCR Real time per CMV?

Nei pazienti sottoposti a terapia antiretrovirale (ART) la viremia è l’indicatore più importante di efficacia terapeutica; essa viene misurata ad intervalli regolari mediante la quantificazione dell’RNA virale.

Tuttavia la capacità del virus di rimanere presente nell’organismo in forma latente rappresenta il vero ostacolo all’eradicazione dell’infezione da HIV. Per questo motivo, parallelamente al dosaggio dell’RNA plasmatico è di grande importanza anche la determinazione quantitativa del DNA di HIV, sia per la pianificazione che per il monitoraggio della terapia.

E’ nota la relazione tra la quantità di HIV DNA e la viremia residua in pazienti trattati con ART; molti studi hanno evidenziato anche la correlazione tra la quantità di HIV DNA e il rialzo viremico in pazienti in cui si è adottata una semplificazione della terapia. Infine nei pazienti aviremici la quantità di DNA provirale rappresenta l’unico parametro quantificabile.

La ricerca di HIV DNA è inoltre fondamentale nel follow-up dei primi 18-24 mesi di vita dei bambini nati da madri HIV positive. La trasmissione verticale dell’infezione può avvenire infatti durante la gravidanza, al momento del parto o durante l’allattamento. La ricerca del DNA virale è uno strumento che permette di verificare con certezza la trasmissione o meno dell’infezione. Il neonato infatti può risultare positivo ai test anticorpali, a seguito del naturale passaggio di anticorpi materni attraverso la placenta, anche in assenza della reale infezione

 

Per la quantificazione della carica virale

REALQUALITY RQ-HIV DNA STANDARD

 

Questo prodotto usa una tecnologia brevettata da Biosearch Technologies per l'utilizzo in diagnostica molecolare umana.

 
 
REALQUALITY RQ-HIV DNA
REALQUALITY RQ-HIV DNA Files da scaricare:
» HIV DNA brochure

Informazioni per gli ordini

Codice Descrizione Confezione
RUO-RQ-125-4M REALQUALITY RQ-HIV DNA 50 tests
RUO-RQ-125-6M REALQUALITY RQ-HIV DNA 100 tests